Author: admin

E-SONIA.UN PROGETTO TUTTO FEMMINILE

Il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi della Campania “Luigi
Vanvitelli”, grazie al contributo dell’associazione Susan G Komen, in prima linea nella lotta ai
tumori del seno, su tutto il territorio nazionale italiano propone il corso online E-SONIA (E-learning Support in Oncology, Nurturing- Increasing-Awareness) dedicato alla salute e alla buona alimentazione, rivolto soprattutto alle donne che hanno ricevuto una diagnosi di cancro al seno.

Gli obiettivi del corso sono finalizzati al sostegno delle donne nell’aumentare la loro
autostima e migliorare la loro qualità della vita. E-SONIA intende, inoltre,
sensibilizzare le donne coinvolte nell’adottare e mantenere stili di vita sani e fornire
informazioni utili per migliorare il proprio benessere psico-fisico.
Il corso online è costituito da 4 moduli che trattano, attraverso video-lezioni, temi
quali la salute alimentare, gli stili di vita sani e il benessere psico-fisico in un ottica di
prevenzione e di cura.
Il corso è totalmente gratuito.

Chi volesse seguire il corso e aderire a questa utile ed interessante iniziativa, o semplicementericevere ulteriori informazioni, può scrivere a:  e.sonia1987@gmail.com.

Read Blog Detail

LiveArt III edizione. AIL Napoli per l’ematologia del Cardarelli

Napoli 16 aprile 2018. Si è svolta con grande e sempre crescente successo, presso il teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare di Napoli, la terza edizione della manifestazione artistica LiveArt fortemente voluta dal Prof. Felicetto Ferrara, direttore della Divisione di Ematologia dell’A.O.R.N. Cardarelli, e dall’AIL di Napoli – sezione Bruno Rotoli ONLUS, l’evento di raccolta fondi il cui ricavato sarà interamente devoluto al potenziamento e alla implementazione dei progetti dell’ematologia del più grande ospedale del meridione italiano.

Con la direzione artistica della coreografa Graziella Di Rauso, artisti e rappresentanti delle istituzioni politiche hanno sostenuto l’iniziativa.

Lo spettacolo, presentato sempre con grande classe e verve dalla splendida Veronica mazza, quest’anno in tandem con Erennio De Vita, ha visto la presenza e l’affetto di nomi importanti della cultura e dell’arte partenopea.

La serata si è aperta con il prof. Felicetto Ferrara che, insieme al Direttore Generale del Cardarelli Ing. Ciro Verdoliva, al Direttore Sanitario Dott. Franco Paradiso e al Presidente della nostra sezione Sig.ra Valeria Rotoli, hanno illustrato le attività e i progressi del reparto ematologico sostenuto da AIL. Sono successivamente intervenuti Gino Rivieccio, Gianluca Capozzi, Maurizio De Giovanni, Maurizio Casagrande, Andrea Sannino, Tony Tammaro e i Movinghart Connection.

Una menzione speciale meritano due grandi nomi della nostra città: Isa Danieli e Peppino Di Capri, entrambi premiati alla carriera rispettivamente dal Prof. Ferrara e dalla Sig.ra Rotoli

“Cardarelli e AIL binomio vincente” l’articolo di Laura Caico sul Roma

A loro e a tutti quelli che ci hanno sostenuto va il nostro più sentito ringraziamento e un arrivederci all’anno prossimo.

Read Blog Detail

Lettera della mamma di Martina

Era ottobre del 2010 quando entrai a far parte di questa realtà, di cui ancora oggi porto segni indelebili, che ha stravolto a pieno il mio vissuto ed il mio modo di guardare le cose. Ricordo bene le pareti grigie che contornano quelle stanze, impregnate di dolore, lacrime e sofferenza, ma anche di SPERANZA che emergeva dallo sguardo appena accennato dei piccoli pazienti.

“Quando un bambino entra in ospedale, è come se fosse portato nel bosco, lontano da casa. Ci sono Bambini che si riempiono le tasche di sassolini bianchi e li buttano per terra, in modo da saper ritrovare la strada anche di notte, alla luce della luna. Ma ci sono bambini che non riescono a far provvista di sassolini, e lasciano cadere delle briciole di pane secco come traccia per tornare indietro. È una traccia molto fragile e bastano le formiche a cancellarla. I bambini si perdono nel bosco e non riescono più a tornare a casa.”

Le parole, queste, di un illustre pedagogista che ho voluto farvi ascoltare oggi, perché cariche di significato. Per quanto concerne la mia esperienza, è più che doveroso da parte mia ringraziare i medici, gli infermieri e i volontari che hanno saputo tessere quel filo di Arianna fatto di fiducia e perfette intese con mia figlia Martina, supportandola nei momenti più difficili della sua malattia. Grazie a mia figlia e a quest’esperienza, posso dire di essere una persona migliore, pronta ad aiutare e far sì che la sua breve parentesi di vita non venga mai dimenticata, come quella di tanti bambini che hanno dovuto lasciare questo mondo troppo presto.
La realizzazione del progetto riguardo lo spazio dedicato alla medicheria era uno dei miei obiettivi principali e tra i più sentiti, ringrazio in primis il presidente dell’associazione AIl – Bruno Rotoli, contro le leucemie, linfomi e mieloma, per aver reso possibile la concretizzazione di questo nobile intento.
Il mio augurio è rivolto alla possibilità che tante altre iniziative, come questa, vengano attuate per il bene dei piccoli pazienti e per il favorimento delle loro condizioni.

la mamma di Martina,
Medicheria Pausilipon

Read Blog Detail

La storia di Susi

Mi chiamo Susi e sono volontaria AIL Napoli dal 2009.

Quando ho iniziato questa bellissima esperienza avevo risolto i miei problemi personali e tanta voglia di donare il mio tempo libero a chi si trova in difficoltà.

Attualmente sono la referente di piazza San Vitale, nel quartiere di Fuorigrotta a Napoli, durante le manifestazioni nazionali. Mi occupo di tutto quello che riguarda la gestione del banchetto; dall’organizzazione dei turni con i volontari, al rifornimento del materiale e alla gestione delle donazioni.

Con il resto dei volontari che partecipano con me ai banchetti in piazza, le manifestazioni sono ormai un appuntamento fisso. Alcuni giovanissimi li ho visti crescere, come Maria che aveva 16 anni quando ha iniziato, e spesso sono proprio loro a ricordarmi che la manifestazione si sta avvicinando e con entusiasmo mi chiedono come dobbiamo organizzarci.

Nonostante le intemperie e il freddo l’entusiasmo di tutti noi per poter distribuire quante più stelle o uova possibili non manca mai, soprattutto perché sappiamo che con i fondi raccolti possiamo sempre più aiutare la sviluppo della ricerca e i pazienti ematologici ad avere una migliore qualità della vita.

Altra attività che svolgo per l’AIL sono le bomboniere solidali. Ho trasformato la mia passione e il mio hobby di ricamare e cucire ad uncinetto in un attività di raccolta fondi per l’AIL, le miei creazioni vengono utilizzate per le bomboniere in occasioni di lieti eventi..la soddisfazione più grande è sapere che la donazione corrisposta alle mie bomboniere potrà garantire per esempio un servizio di assistenza domiciliare ad un paziente ematologico o per l’acquisto di attrezzature medicali.

Devo tanto all’AIL. Grazie per avermi reso una persona più forte che riesce a donare speranza a tanti pazienti ematologici e ai loro familiari.

Susi
volontaria AIL Napoli dal 2009

Read Blog Detail

L’ematologo risponde

Da novembre è attivo il servizio “L’ematologo risponde”.

Ogni mercoledì, per chiarimenti, dubbi, o semplici informazioni sui tumori del sangue, potete chiamare in sede allo ‭081 19361581, dalle 10,00 alle 13,00‬ e parlare con un nostro ematologo

Read Blog Detail

Il caffè sospeso

Quando prendi un caffè alla bouvette del Circolo Posillipo ordina sempre un “caffè sospeso!”

L’AIL Napoli Bruno Rotoli equivalente sarà devoluto a AIL Napoli (Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma – sezione Bruno Rotoli) da sempre impegnata nella ricerca sui tumori ematologici e per il miglioramento della qualità della vita di chi è affetto da tumori del sangue.

L’iniziativa è sostenuta e spinta anche dal dirigente alla casa Giancarlo Coppola Rispoli e dedicata al fratello Fabrizio morto di leucemia fulminante a soli 23 anni.

Read Blog Detail

X anniversario AIL Napoli Sezione Bruno Rotoli

Read Blog Detail

La storia di Carolina

Anno 2008. Decido di cambiare la mia vita. Mi trasferisco a Sharm El Sheik a lavorare. Ho voglia di sole, di mare, di aria aperta.
Dopo qualche mese appaiono i primi sintomi. Faccio delle cure palliative ma ritornano inevitabilmente, fino a quando i medici mi dicono che devo sottopormi a gastroscopia e decido di tornare a casa per indagare.
Dopo diverse indagini e un ricovero prolungato, ecco la diagnosi: linfoma non Hodgkin extranodale Burkitt-like.

Quante parole per dire che hai un tumore del sangue…

Improvvisamente ti cambiano il film della tua vita, ti trovi in un’altra regia dove tu conti poco e a condurre il gioco sono i medici.
Dopo la mazzata iniziale, e credetemi fa male, penso che questa non sia una tragedia ma una grande opportunità della vita, una risorsa da cui imparare ad attingere.
E così è stato che il linfoma ha cambiato la mia vita dandole una scala di valori e priorità diverse.
Inizio la chemioterapia a dicembre 2008 e finisco a maggio 2009, e ancora oggi ricordo ogni singolo giorno, ogni ora, ricordo date, avvenimenti, notizie, ricordo perfettamente quando stavo morendo. Ricordo però anche di non aver mollato mai! Mai pensato di dover morire, mai, nemmeno per un attimo, neanche quando tutto andava storto e tutti disperavano, incluso i medici.
Dopo quindici giorni di febbre a 42 ero sì un po’ più nervosa, ma ero sempre pronta a sorridere e a calmare e dare speranza a chi era vicino a me.
Non sempre è stato semplice, ma è stato molto formativo; non sempre comprendi cosa stia succedendo, ma c’è una forza vitale dentro ognuno di noi che ti spinge ad andare avanti e, credetemi, questa forza è dentro di noi, bisogna solo saperla ascoltare e darle spazio.
Ricordo che per un mese non ho mangiato né ingoiato acqua, mi faceva troppo male la bocca. Ero costretta all’alimentazione parenterale, ho perso tutti i capelli, sono ingrassata 20 kg, ma ricordo con tenerezza le mattine in ospedale. Mi lavavo e mettevo il rossetto, sempre! Credo di essere stata orribile, ma quel rossetto per me era la vita.
Per noi malati le cose più semplici diventano complicate. Ad esempio lavarsi è una vera impresa; non puoi farlo da sola, hai bisogno di aiuto concreto. Quanto mi ha lavato e profumata mia sorella! Ecco perché le malattie onco-ematologiche non sono malattie del solo paziente ma di tutta la famiglia, perché se non c’è una rete di persone e di protezione attorno a te, non ce la fai…
Tu paziente sei più delicato, più fragile, più vulnerabile. Hai bisogno di essere coccolato, accompagnato, sostenuto, ma mai e poi mai commiserato. Tutto deve diventare normale, anche la chemio entra nella tua normalità e deve essere ridimensionata ad un momento di percorso comune ma che poi passa, finisce mentre tu continui la tua strada.
Poi un giorno fai la PET di rivalutazione per prepararti al trapianto autologo del midollo e il risultato è: remissione completa!
Improvvisamente, così come è cominciato finisce, non devi fare più niente, torni a casa e, puff…, è tutto finito.
Così sembra… Tutti sono felici, si ritorna al tran tran quotidiano, si torna alla leggerezza del vivere. Finisce per tutti, ma non per te. Per te inizia adesso! Molli la presa e sei stanchissima, hai poche forze per fare tutto; ci ho messo un anno a riprendermi dalla chemio ed ancora oggi ne porto i segni.
Cala il silenzio, ma dentro di te c’è un rumore assordante, c’è un tumulto che si agita e vuole venir fuori, la vita grida vendetta; niente è più come prima, tu non sei come prima e, mentre tutti ti vogliono come prima, tu inizi il tuo percorso di rinascita.
C’è un libro di Giuseppe Pontiggia, “Nati due volte”, che è meraviglioso, e tu così ti senti, nata per la seconda volta, solo che stavolta sei grande, adulta, quindi devi dare un senso a questa tua rinascita, ma soprattutto devi ricambiare tutto ciò che la vita ti ha regalato.
In ospedale avevo giurato a me stessa che quando fosse finita la tempesta del linfoma sarei stata vicino ai malati. Volevo farli sorridere, aiutarli, volevo dare loro una speranza, e così sono entrata nel mondo del volontariato. La grande famiglia AIL mi ha accolto a braccia aperte, sono diventata una volontaria ospedaliera. Alcuni giorni della mia settimana vado in ospedale, nel DH ematologico, e sono vicino ai malati; provo a dar loro una mano, provo a indicargli la strada del sorriso, dell’amore, provo a dir loro che visto che si deve fare è meglio farlo con un sorriso piuttosto che piangendo, provo a dar loro una speranza: la mia persona ne è la prova. Il mio esserci dà loro una speranza.
Molti non credono che io sia una ex paziente, ma dopo averglielo dimostrato (il malato è diffidente) la comunicazione diventa un’altra cosa, lui si fida, sa che quello che lui sta affrontando non devo immaginarlo, è vita vissuta. Allora abbassa le difese, si apre e tu entri con tutto il tuo amore e la tua com-passione.
Il mio motto di volontaria è “Se io quel giorno riesco a tirar fuori un sorriso ad un malato, ho dato un senso a quella mia giornata”.
Quanti sorrisi ricordo, quanti pianti, quanto dolore, quanto amore, quante risate, quante persone, quanti ragazzi, anche qualche perdita, ma insieme a tutto ciò c’è sempre la voglia/necessità di esserci perché è doveroso provare ad amare gli altri, stare accanto ai più deboli, dare per il piacere di dare, creare attorno a queste persone quella rete di protezione di cui parlavo prima. È fondamentale per il malato essere sostenuto, essere visto come una persona e non come una patologia, essere chiamato per nome. È importante vedere la luce in fondo al tunnel!

L’unico modo per allontanare il dolore è attraversarlo. Questo è ciò che ho fatto e che continuo a fare facendo volontariato. Tutto questo grazie al mio linfoma.

La vita mi ha regalato tanto; io provo a restituire ciò che ho avuto facendo la mia parte che è sempre poco rispetto ai tanti, innumerevoli problemi.
Come dicevo prima, la vita grida vendetta!

Carolina,
ex paziente e volontaria AIL

Read Blog Detail

La storia di Carla

Mi chiamo Carla e vi racconto la mia storia perché voglio condividere la mia esperienza con chi combatte ogni giorno contro un tumore del sangue.

Tutto iniziò il 1998 quando mi hanno diagnosticato la Leucemia Linfocitaria cronica, un tumore del sangue che colpisce solitamente le donne a 60 anni circa, ma io all’epoca ne avevo 40. Un colpo durissimo da accettare, seguito da smarrimento e poi da una fase di depressione. Ero relativamente giovane per questo tipo di tumore, di conseguenza non sapevano dirmi quanto anni di vita avrei avuto.

Fu così che iniziò l’iter di visite specialistiche,analisi,controlli, lunghe liste di attesa, che mi hanno accompagnato per 9 lunghi anni. Nel 2007 arriva il momento di iniziare le chemioterapia, e dopo due anni, finalmente mi dissero di poter ritornare a svolgere la mia vita di sempre. L’incubo era finito.

Già quando ero in ospedale pensavo a cosa fare quando tutto sarebbe ritornata alla normalità. Una cosa era certa, volevo dedicarmi a donare speranza e conforto a chi, come me, aveva sofferto.

Durante tutto il periodo della malattia il mio riferimento è stato, ed è ancora tutt’oggi per i controlli di routine, il team del prof. Bruno Rotoli al nuovo Policlinico di Napoli. Sin da subito mi sono sentita protetta, accolta, guidata e seguita sempre in una rete che mette il paziente al centro di tutto. Ed è stato proprio in ospedale che ho conosciuto l’AIL.

Durante le infinite ore di attesa del day hospital c’erano le volontarie dell’AIL che accoglievano sempre con il sorriso i pazienti ematologici. Quel clima sereno che trasmettevano, coccolandoci con una parolina di conforto e la “caramella del buongiorno” mi sollevavano dalle ansie dell’attesa.

Fu così che decisi di contattare tramite loro la segreteria dell’AIL di Napoli, per dare la mia disponibilità al volontariato.

La mia prima esperienza da volontaria è stata in piazza per le uova di Pasqua. Prima della malattia, ho sempre fatto volontariato, in varie situazioni dall’aiuto alle persone indigenti all’assistenza psicologica nei centri d’ascolto presso la scuola dove facevo l’insegnante, ma il ricordo di quella prima volta per l’AIL è ancora vivo in me.

Ero emozionata, desiderosa di voler condividere le mia esperienza, di portare il sorriso a chi non riesce a sperare neanche più in una futura guarigione.

Durante la malattia, ho avuto la fortuna di avere i miei familiari e tanti cari amici sempre vicino, ma nonostante ciò mi sentivo spesso smarrita e spesso si alternavano momenti di grande solitudine e disperazione.

Ed è soprattutto per questo che ho scelto di fare la volontaria AIL. Scendere in piazza per me significa poter entrare in contatto con i pazienti ematologici e con i loro familiari, poter condividere ansie e timori e dare soprattutto conforto a chi vive un tumore del sangue e pensa di non farcela.

Oltre all’attività in piazza durante le manifestazioni nazionali, contribuisco a dare una mano allo staff dell’AIL Napoli, come per esempio nel distribuire tra amici e conoscenti i biglietti per gli eventi di raccolta fondi o i gadget natalizi, portando sempre con me la voglia e l’entusiasmo di raccontare e di condividere la mia esperienza.

La mia malattia è ancora un punto interrogativo ma ringrazio la ricerca perché facendo continuamente passi in avanti, mi permette di continuare a sperare.

Carla,
paziente e volontaria AIL

Read Blog Detail